Posted by & filed under Articoli.

CHIROPRATICA e TERZA ETA

E’ ormai risaputo il coinvolgimento della colonna vertebrale, nella normale o anormale trasmissione dello stimolo nervoso. Le interferenze nervose, possono alterare la comunicazione tra il cervello e l’ambiente che lo circonda, creando al corpo delle difficoltà di adattamento ai cambiamenti, e di conseguenza, uno squilibrio e/o un malessere, che si manifesta generalmente con sintomi che colpiscono ovviamente la parte più debole. La CHIROPRATICA, non è solo un modo per risolvere i problemi connessi alla colonna vertebrale, ma è anche un metodo che permette di valorizzare al massimo le capacità che ha il corpo, di vivere e di muoversi, consentendo pertanto di apprezzare al cento per cento la VITA. L’invecchiamento, gli incidenti del passato, le abitudini e le posizioni errate creano delle debolezze e degli scompensi che danneggiano il corpo, lo fanno magari lavorare in modo scorretto e comportano pertanto un’ involuzione. L’aggiustamento Chiropratico « riabilita » il corpo, ridandogli la sua funzionalità, assicurandogli di “invecchiare” nel modo più corretto. Non dobbiamo negare il fatto che TUTTI invecchiamo… Le nostre cellule invecchiano, anche se alcune vengono naturalmente sostituite, ma questo non ci deve far credere di essere inferiori ed incapaci di reagire. LA FUNZIONE CREA L’ORGANO E’ necessario « imparare » ad utilizzare il corpo nel miglior modo possibile, sapendo che non si può ottenere sempre il massimo, ma che il nostro obiettivo è raggiungere l’optimum. Questo si può fare attraverso l’attività fisica, per esempio il ballo, la ginnastica dolce (Pilates è un metodo molto interessante per capire come il nostro corpo funziona nello spazio), il nuoto, l’acquagym, il footing, la bicicletta o la ciclette o anche semplicemente camminando con regolarità… Sono tantissime le attività che una persona può fare anche in età avanzata, compatibilmente con le proprie patologie e le proprie capacità. E’evidente che, chi non ha mai fatto attività fisica regolarmente avrà inizialmente delle difficoltà, ma lentamente, con l’aiuto di persone qualificate, potrà ritrovare una forma fisica adeguata ed migliorare il suo stato di salute. MODO DI VIVERE = STATO DI SALUTE Alcuni danni fisici subiti in passato sono ovviamente irreversibili, è inutile negarlo e ciò che non si è fatto precedentemente non può essere improvvisamente recuperato. E’ quindi fondamentale prendere atto della possibilità di un recupero ripartendo dal rapporto e dall’ascolto del proprio corpo perchè non è mai troppo tardi, e dobbiamo dimenticare la parola “ORMAI”, che spesso viene utilizzata solo per giustificarsi e che invece non dovrebbe esistere… Abbiamo tutti in mente l’ottantenne che continua a sciare, a correre in bici, a ballare… Non dobbiamo pensare che la terza o la quarta età siano solo mentali e non fisiche. «MENTE SANO IN CORPO SANO» significa che ciò che è valido per il corpo è valido anche per la mente; «SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO» significa nutrire correttamente il proprio corpo, per consentirne la massima efficienza. Con la collaborazione della Dott.ssa LANGHI, PSICOLOGA e della Dott.ssa ZANDOTTI, DIETISTA, si potrà approfondire anche questi aspetti fondamentali per la salute. LA CHIROPRATICA AGGIUNGE DEGLI ANNI ALLA VITA MA SOPRATUTTO DELLA VITA AGLI ANNI Lo scopo dell’aggiustamento Chiropratico è di ridare alla colonna vertebrale il suo funzionamento ottimale, ricreando il suo equilibrio, lasciandola agire correttamente, proteggendo il midolo spinale in essa contenuto ed i nervi che ne fuoriescono. Solo se il nostro cervello riesce ad apprezzare correttamente le variazioni dell’ambiente, e di conseguenza, a monitorare i cambiamenti dei nostri organi, si può mantenere quest’equilibrio indispensabile alla salute, equilibrio che si chiama « OMEOSTASI”. Occorre ricordare che il collegamento tra cervello e organi si crea attraverso il sistema nervoso che gestisce anche il sistema endocrino. NON C’E UNA CELLULA DEL NOSTRO CORPO CHE NON E’CONTROLLATA DAL SISTEMA NERVOSO, DIRETTEMENTE O INDIRETTAMENTE L’ETÀ NON È UNA CONTROINDICAZIONE ALL’ AGGIUSTAMENTO CHIROPRATICO Occorre chiarire un concetto: la manipolazione come è intesa dalla medicina tradizionale, consiste nel “forzare un’ articolazione oltre i suoi limiti fisiologici”, creando un danno all’articolazione medesima, che è tanto più grave quanto più essa è fragile, o malata, come in in presenza di osteoporosi, ed è dunque fortemente controindicata a qualsiasi età. L’aggiustamento Chiropratico, mediante la «SUBLUSSAZIONE VERTEBRALE» si pone l’obiettivo di far ritrovare a due vertebre il loro migliore movimento fisiologico, eliminando l’interferenza nervosa. In alcuni casi , si verifica la cosidetta «Ipomobilità» che consiste in un movimento ridotto, cui si cerca di rimediare ripristinando il movimento corretto e creando la situazione ideale per un aumento della mobilità, rispettando la fisiologia articolare del paziente (neonato, adolescente, adulto). Quando invece le vertebre sono instabili, si parla di «I permobilità », cui si cercherà di rimediare facndo ritrovare a queste vertebre il loro movimento normale, agendo su quelle che non si muovono abbastanza e che obbligano le altre a compensare. Pertanto occorre comprendere che il primo credo del vostro Chiropratico è: ” PRIMA NON NUOCERE ” L’AGGIUSTAMENTO VERTEBRALE SI FA SEMPRE RISPETTANDO LA FISIOLOGIA ARTICOLARE Le tecniche Chiropratiche, si addattano alle condizioni del paziente, sono diverse se si tratta, di un neonato, di un adolescente, di uno sportivo, di una donna , di un uomo, di una persona anziana . Adeguandosi alla fisiologia articolare, il metodo Chiropratico è proprio un trattamento ” alla carte “. E, per concludere ricordatevi che… LA CHIROPRATICA AGGIUNGE DEGLI ANNI ALLA VITA MA SOPRATUTTO DELLA VITA AGLI ANNI LA VECCHIAIA NON E UNA MALATTIA, MA « UN OPPORTUNITA ULTERIORE » Marcello cesa-bianchi

 

redatto DAL DOTT. R.J. CASTELLANI CHIROPRATICO, laureato al PALMER COLLEGE of CHIROPRACTIC 3/76 membro dell’ ASSOCIAZIONE ITALIANA CHIROPRATICI CON L’ASSISTENZA E LA SUPERVISIONE, TRADUZIONE ED INTERPRETAZIONE DELLA SUA « BRAVISSIMA » ASSISTENTE PERSONALE, EDDA