Posted by & filed under Articoli, News.

COS’È L’OSTEOPATIA?

L’Osteopatia è una terapia manuale, definita dall’Organizzazione Mondiale della Sanità come medicina complementare alla medicina classica, tale metodica si basa sul contatto manuale per la diagnosi ed il trattamento.
Si tratta di una forma di assistenza incentrata sulla salute del paziente piuttosto che sulla malattia; si avvale di un approccio causale e non sintomatico (spesso infatti la causa del dolore trova la sua locazione lontano dalla zona dolorosa), ricercando le alterazioni funzionali del corpo che portano al manifestarsi di segni e sintomi che possono poi sfociare in dolori di vario genere.

L’approccio innovativo si basa su alcuni principi cardine di cui l’Osteopatia si avvale:

Unità del corpo: l’individuo è visto nella sua globalità come un sistema composto da muscoli, strutture scheletriche, organi interni che trovano il loro collegamento nei centri nervosi della colonna vertebrale. Ogni parte costituente la persona (psiche inclusa) è dipendente dalle altre e il corretto funzionamento di ognuna assicura quello dell’intera struttura: dunque, il benessere.

Relazione tra struttura e funzione: la perfezione di ogni funzione è legata alla perfezione della struttura portante, se tale equilibrio è alterato ci si trova di fronte a una disfunzione osteopatica, caratterizzata da una zona corporea in cui è andata persa la corretta mobilità. L’organismo reagirà a tale disequilibrio creando delle zone di compenso e di adattamenti corporei non favorevoli al benessere generale dell’organismo.

Autoguarigione: in osteopatia non è il terapeuta che guarisce, ma il suo ruolo è quello di eliminare gli “ostacoli” alle vie di comunicazione del corpo al fine di permettere all’organismo, sfruttando i propri fenomeni di autoregolazione, di raggiungere la guarigione. L’osteopatia mira a ristabilire l’armonia della struttura scheletrica di sostegno al fine di permettere all’organismo di poter trovare un proprio equilibrio ed un proprio benessere.

L’Osteopatia si occupa principalmente dei problemi strutturali e meccanici di tipo muscolo-scheletrico a cui possono però associarsi delle alterazioni funzionali degli organi e visceri e del sistema cranio sacrale. Poiché in Osteopatia si ha una visione olistica del corpo umano, è valida anche l’idea contraria: un problema funzionale organico-viscerale può provocare dei dolori di tipo muscolo-scheletrico.

L’Osteopatia, grazie proprio ai principi su cui si basa, interviene su persone di tutte le età, dal neonato all’anziano, alla donna in gravidanza.

Si rivela efficace in diversi disturbi che spesso affliggono l’individuo impedendogli di poter condurre una vita serena, disturbi come: cervicalgia, lombalgia, sciatalgia, artrosi, discopatie, cefalea ed emicrania, dolori articolari e muscolari da traumi, alterazioni dell’equilibrio, nevralgie, stanchezza cronica, affezioni congestizie come otiti, sinusiti, disturbi ginecologici e digestivi.

I DIVERSI APPROCCI OSTEOPATICI

Approccio strutturale 
Applicazioni di particolari manovre di rilasciamento delle articolazioni e dei muscoli. Ha effetti non solo meccanici, ma soprattutto biochimici, in quanto stimola il corretto scambio di fluidi all’interno delle strutture trattate.

Approccio fasciale
Tecniche indirizzate al muscolo o alla fascia, che impiegano un continuo
feedback palpatorio per ottenere un rilasciamento dei tessuti miofasciali. Queste tecniche agiscono sulla fascia e la sua relazione fra disturbi muscolo-scheletrici, dolori e tensioni e stato globale della fascia.

Approccio viscerale
Tecniche che ristabiliscono la mobilità e la motilità di un organo. Queste tecniche consentono di stimolare l’organo verso una corretta funzione digestiva, di assorbimento o di espulsione, sia in un ambito più meccanico sia in ambito biochimico.

Approccio craniale
Tecniche che agiscono sul movimento di congruenza fra le ossa del cranio, andando ad agire a livello osseo, nervoso, meningeo e del liquor cefalorachidiano. Con queste tecniche si agisce in particolare sulla vitalità dell’organismo, qualità fondamentale che permette agli esseri viventi di reagire con efficacia agli eventi di disturbo provenienti dall’ambiente esterno e da quello interno.

CHI SI PRENDERÀ CURA DEL PAZIENTE?

La sicurezza e la cura del paziente sono la priorità di medico osteopata

La visita osteopatica e il trattamento sono direttamente eseguiti dall’osteopata, che seguirà il paziente per tutto il suo iter curativo, avvalendosi, se necessario della consulenza di altre figure professionali sanitarie.

 

 

 

 

COME SI SVOLGE LA PRIMA VISITA E I TRATTAMENTI?

Durante la prima visita vi è una prima fase anamnestica di raccolta dati e visualizzazione di eventuali esami diagnostici eseguiti in precedenza, dopo di che si prendendo in considerazione i benefici e le eventuali controindicazioni al trattamento osteopatico, al fine di garantire al paziente la massima sicurezza e professionalità.

Qualora non vengano rilevate controindicazioni al trattamento, si esegue una valutazione medica ed osteopatica, con particolare attenzione alle problematiche riferite dal paziente.

Al paziente viene spiegato ciò che è emerso dalla visita, illustrato il tipo di trattamento proposto e le sue finalità.

La prima visita richiede circa 45 minuti e si conclude con un trattamento introduttivo al successivo percorso, previa sottoscrizione di un consenso informato. I trattamenti successivi hanno una durata di 45 minuti.

OSTEOPATIA PER GLI ADULTI

Nell’adulto, l’osteopatia si occupa principalmente di problemi strutturali e meccanici di tipo muscolo-scheletrico cui possono però associarsi delle alterazioni funzionali di tipo viscerale e del sistema cranio-sacrale, che possono scaturire, anche, da una scorretta postura.

Quali problematiche possono essere trattate?

L’osteopatia si rivela efficace in diversi disturbi che spesso affliggono l’individuo impedendogli di condurre una vita serena, quali:

  • dolore cervicale
  • dolore lombare
  • dolore sciatico
  • dolori intervertebrali
  • mal di testa
  • dolori articolari e muscolari da traumi
  • alterazioni dell’equilibrio
  • stanchezza cronica
  • affezioni congestizie come otiti e sinusiti
  • disturbi ginecologici e digestivi

 

OSTEOPATIA PER BAMBINI

 (in collaborazione con i pediatri di Borgomanero)

In ambito pediatrico, l’osteopata utilizza tecniche manipolative delicate e non dolorose per risolvere alcune problematiche comunemente diffuse tra i più piccoli. Grazie a trattamenti specifici, l’osteopatia interrompe quei circoli viziosi creati dalle disfunzioni che spesso si manifestano nei diversi tipi di parto; individuare ed intercettare prontamente le cause dei disturbi di cui i bambini soffrono permette che tali problematiche non si cronicizzino, condizionandone lo sviluppo.

Tra i principali disturbi determinati da traumi avvenuti durante il parto o nelle prime settimane di vita ci sono:

  • scoliosi
  • coliche gassose
  • stitichezza
  • rigurgiti e reflusso gastroesofageo
  • otiti ricorrenti e sinusiti
  • plagiocefalia
  • torcicollo miogeno congenito
  • malocclusioni
  • difficoltà a riposare

L’osteopata, con manipolazioni leggere, orienta il trattamento verso la rimozione dei blocchi e delle disfunzioni alla base di questi disturbi, riequilibrando le tensioni superficiali e profonde, e ripristinando così il normale funzionamento dell’organismo.

La sicurezza del piccolo paziente è la priorità dell’osteopata. Il trattamento viene eseguito solo dopo avere raccolto tutti i dati necessari in merito alla sua storia clinica, dalla nascita al momento del consulto. Il percorso osteopatico sarà sempre relazionato e dettagliato con comunicazioni verbali e/o scritte in accordo e collaborazione con il pediatria di riferimento.

 

 

 

 

 

OSTEOPATIA IN AMBITO OSTETRICO-GINECOLOGICO

La gravidanza è il periodo in cui le donne sono maggiormente consapevoli dei processi del loro corpo: essa produce un sostanziale cambiamento posturale e funzionale a cui può essere sottoposto il corpo femminile.

L’osteopata mette la sua abilità al servizio delle gestanti, per aiutarle ad assecondare i cambiamenti in atto nel loro corpo in modo dolce ed armonico. Questo è fondamentale per vivere al meglio uno dei periodi più coinvolgenti della vita di una donna.

Per alcune donne la gravidanza significa anche dover fronteggiare alcuni malesseri legati alla progressiva crescita del bambino nel grembo materno che, di settimana in settimana, provoca lo spostamento del centro di gravità e continue modifiche sia strutturali che viscerali.

Questi cambiamenti richiedono continui adattamenti da parte del sistema muscolo-scheletrico il quale, spesso, fatica a rispondere in modo adeguato causando diverse complicazioni:

L’Osteopatia affronta e risolve le problematiche dolorose a carico della colonna vertebrale e della muscolatura ad essa correlata quali:

  • lombalgia
  • sciatalgia
  • cervicalgia
  • i disturbi legati alla ritenzione dei liquidi (soprattutto durante l’ultimo trimestre di gestazione) che possono causare importanti gonfiori degli arti inferiori e superiori o problematiche compressive come la Sindrome del Tunnel Carpale (che si manifesta con dolore e formicolio a livello del polso e delle dita della mano).

Gli altri disturbi frequentemente lamentati dalle gestanti:

  • nausea
  • difficoltà digestive
  • stitichezza

Il percorso osteopatico durante la gravidanza può favorire l’elasticità tissutale e la mobilità articolare facilitando sia il travaglio che la fase espulsiva, spesso rendendo non necessaria l’episiotomia.

L’osteopatia durante la fase post-partum velocizza il recupero dell’equilibrio muscolo scheletrico e di eventuali esiti cicatriziali da taglio cesareo o da episiotomia.

Uno dei risvolti più fastidiosi della fase post-partum è una lieve incontinenza urinaria. L’osteopatia, mediante tecniche volte al rinforzo della muscolatura del pavimento pelvico, unita ad una ginnastica perineale specifica, aiuta la risoluzione dell’incontinenza urinaria.

Durante l’allattamento, le posizioni assunte possono predisporre l’insorgere di sintomatologie dolorose a carico della muscolatura dorsale e cervicale. L’osteopata può essere d’aiuto nella risoluzione di queste problematiche anche fornendo indicazioni adeguate sulle posture corrette da mantenere per allattare.

La sicurezza della mamma e del bambino sono la priorità dell’osteopata, per questo si esegue il trattamento solo dopo avere raccolto tutti i dati necessari in merito alla storia clinica della mamma, prima e durante la gravidanza e se necessario interfacciandosi con il ginecologo di riferimento della paziente per eventuali chiarimenti o approfondimenti. Il percorso osteopatico intrapreso dalle future mamme sarà sempre in accordo e collaborazione con il ginecologo di riferimento.

OSTEOPATIA IN AMBITO GERIATRICO

Con l’avanzare dell’età si va incontro ad una serie di patologie e problemi fisici che possono condizionare seriamente la qualità di vita di una persona. Tali problematiche dipendono spesso da fattori come il lavoro svolto, i traumi subiti, le patologie incontrate ma tendenzialmente con il passare degli anni tutti soffriamo di dolori e tutti abbiamo qualche difficoltà.

L’osteopatia può essere un aiuto molto prezioso per questa fase della vita dove si possono affrontare le varie problematiche che condizionano la persona anziana nella vita di tutti i giorni.

Il trattamento osteopatico allevia i dolori e riduce i disagi, aiutando le persone anziane a conservare tonicità e vitalità.

Patologie come artrosi e dolori articolari sono da considerarsi fisiologiche, normali ad una certa età ma non si può permettere che queste condizioni compromettano in modo debilitante una persona; i dolori causati da queste patologie portano ad adottare posture scorrette che, a lungo termine, moltiplicano le tensioni delle differenti zone del corpo, aumentando quindi il dolore.

Il trattamento osteopatico allevia notevolmente la sintomatologia, ristabilendo la mobilità e la funzionalità del corpo e aiutando il paziente a ritrovare il benessere ed una vita più serena.

 

 

 

 

 

I trattamenti osteopatici sono indicati in caso di:

  • Dolori muscolari
  • diminuzione o perdita della mobilità articolare
  • problemi funzionali a livello viscerale
  • problemi del sonno
  • abbassamento momentaneo delle capacità intellettive
  • caduta senza perdita di conoscenza o senza fratture
  • problemi di tipo otorino-laringoiatrico (ORL)
  • cefalee

Oltre ai problemi riguardanti l’apparato muscolo-scheletrico, il trattamento osteopatico risulta efficace per patologie molto comuni come ipertensione e ipotensione, difficoltà intestinali, incontinenza urinaria e problemi vascolari, migliorando il metabolismo e la funzionalità dei vari organi e favorendo la circolazione sanguigna ed il drenaggio.