Posted by & filed under ARTICOLI DEL 2014.

DOTT.SSA LUCIA EPIS

BIOLOGA NUTRIZIONISTA

 

NUTRIGENETICA

 

Il DNA è un acido nucleico che contiene tutte le informazioni genetiche necessarie alla biosintesi di RNA e proteine, molecole indispensabili per lo sviluppo ed il corretto funzionamento della  maggior parte degli organismi viventi. Sequenze di DNA vanno a costituire quello che viene definito gene cioè l’unità fondamentale dell’ereditarietà.

 

A cosa serve fare il test del DNA in nutrizione?

 

Un’alimentazione corretta è importantissima per il benessere dell’organismo.

Individui diversi possono rispondere in modo diverso allo stesso regime alimentare a causa delle differenze esistenti tra i loro geni.

I geni sono quindi un vero e proprio “manuale di istruzioni” che determina i limiti potenziali del singolo organismo. Ciascuno di noi ha quindi un differente corredo genetico e di conseguenza capacità differenti di affrontare le sfide poste dall’ambiente esterno. In particolare è documentato in letteratura come i geni possano presentarsi in differenti forme polimorfiche a cui corrispondono prodotti proteici diversi e con differente grado di attività. In nutrizione, più specificamente, una ridotta attività di specifiche proteine chiave oggi identificate, comporta una compromissione del normale metabolismo ed assorbimento dei nutrienti. Ecco che, ad esempio, una forma mutata della metilen-tetraidrofolato-reduttasi (MTHFR) non consente il corretto assorbimento dell’acido folico.

Il test del DNA è uno strumento innovativo in grado di fornire informazioni che permettono di modulare l’alimentazione in modo personalizzato nel rispetto delle caratteristiche genetiche di ognuno di noi.

 

Ma come si effettua il prelievo del DNA?

 

La procedura di raccolta del DNA si basa sul prelievo di cellule della mucosa orale effettuato mediante sfregamento di un apposito tampone sulle pareti interne della bocca. Questo tipo di prelievo è assolutamente indolore e semplice da effettuare.

Quali aspetti nutrizionali vengono indagati con questo test?

 

Metabolismo del colesterolo HDL: il così detto colesterolo buono. Livelli più bassi di HDL possono indurre ad un maggior rischio di malattie cardiovascolari.

L’apolipoproteina A1 costituisce il componente proteico principale delle lipoproteine ad alta densità HDL. Essa svolge un ruolo importante nel trasporto del colesterolo, contribuendo ad abbassare i livelli plasmatici di LDL, così detto colesterolo cattivo, e quindi con effetti positivi per la prevenzione delle patologie cardiovascolari.

Metabolismo dell’acido folico: la vitamina B9, è essenziale per la sintesi e per la riparazione del DNA ed anche nella prevenzione di alcune malformazioni neonatali a carico del sistema nervoso centrale (spina bifida).

Un adeguata assunzione di acido folico contribuisce inoltre a regolare i livelli ematici di omocisteina, la cui elevata presenza risulta associata ad un maggior rischio di malattie cardiovascolari.

Metabolismo del calcio e vitamina D: la vitamina D promuove l’assorbimento del calcio, indispensabile per il metabolismo osseo sia nello sviluppo del bambino che nell’adulto, ed è coinvolta nella modulazione della risposta immunitaria.

Un corretto metabolismo del calcio è inoltre indispensabile per prevenire l’osteoporosi.

Detossificazione e Stress ossidativo: attraverso il processo di detossificazione il nostro organismo elimina le tossine che si accumulano e che formano radicali liberi, causa di numerose patologie. Vengono identificati le varianti genetiche che determinano una maggior capacità dell’organismo di autodepurarsi.

Mappa delle idoneità alimentari: incrociando le proprietà nutrizionali degli alimenti con le caratteristiche genetiche, ad ogni alimento è stato attribuito un coefficiente di idoneità. Più il valore di idoneità di un alimento si avvicina a 100 e più l’alimento sarà idoneo per il nostro organismo.

Le idoneità alimentari sono elaborate sulla base dell’anamnesi individuale e delle caratteristiche genetiche analizzate.

 

 

 

Dott.ssa Lucia Epis
Biologa Nutrizionista
Riceve su appuntamento presso il Centro Medico San Luigi